Vertigine & Cervicale

In primo piano

Di Dario Alpini

Ci si alza al mattino dopo una notte riposata e all’improvviso il mondo precipita addosso, l’armadio gira vorticosamente, i numeri della radio-sveglia scorrono velocemente come quando ci si affaccia dal finestrino del treno, il letto sprofonda, il lampadario traballa che neanche il terremoto….. Continua a leggere

Algie lombo-pelviche benigne e gravidanza

In primo piano

Di Maria Luisa Tenaglia e Renato Gatto

TRATTAMENTO MANIPOLATIVO IN MEDICINA MANUALE

 1.1 INTRODUZIONE

Il “mal di schiena” o lombalgia della donna incinta è in realtà un complesso di algie lombo-sacrali-pelviche, talora non ben localizzabili e differenziabili, spesso commiste, che di frequente accompagnano la gravidanza, permanendo talvolta più o meno a lungo dopo il parto.La gravidanza è un fenomeno naturale che comporta particolari modificazioni fisiologiche, emodinamiche, metaboliche e muscolo-scheletriche, nonché psicologiche. La donna è un terreno fertile di manifestazioni psicosomatiche, soprattutto quando il suo corpo è coinvolto nella riproduzione della specie. Gli adattamenti che conseguono a tali complesse modificazioni possono provocare disturbi dolorosi di varia intensità e durata, talvolta lievi e reversibili, talvolta più seri e invalidanti, talvolta persistenti nel post partum, soprattutto a carico del rachide dorso-lombare e del bacino. La lombalgia è spesso presente in una gravidanza normale, con una frequenza stimata tra il 24% e il 56%, secondo i diversi studi (1,2,3,4,5,6). Secondo il classico studio di Ostgaard e coll. del 1997 (7), nel 18,7% dei casi vi è persistenza dei dolori a tre mesi dal parto.

Continua a leggere

Report da Torino – Sette ore di Clinica in Medicina Manuale

Il 14 e 15 dicembre, in una Torino imbiancata e natalizia, si è svolto il II corso AIMM 2012 presso il Presidio Sanitario Gradenigo. Le avverse condizioni climatiche non hanno impedito ad alcuni soci provenienti da varie regioni di raggiungere la sede del corso e di ammirare gli splendori monumentali e architettonici della capitale sabauda.

Continua a leggere

Sette ore di Clinica in Medicina Manuale

Si terrà a Torino il 14 e 15 dicembre 2012, presso il Presidio Sanitario Gradenigo, un corso AIMM dedicato all’esame clinico codificato, alla diagnosi differenziale e di trattamento. L’evento prevede la valutazione e la discussione di cinque casi clinici in seduta plenaria, con paziente e operatore esperto in sala, proponendo le situazioni ambulatoriali più comuni. Ad integrazione si terranno interventi specifici sulla diagnosi clinica e strumentale e sui risvolti medico-legali.

Per il programma completo vi invitiamo a la brochure del corso del corso; per le iscrizioni è possibile compilare la seguente scheda di iscrizione sulla quale sono inserite le informazioni necessarie per l’invio alla segreteria organizzativa.

Report da Leonessa

di Vittorio Marcelli

Nella bella e suggestiva cornice di LEONESSA (Rieti) nella Sala Auditorium S. Lucia si è svolto, da Sabato 15 a Domenica 16 settembre 2012, il 4° Corso di Aggiornamento in Medicina Manuale. L’Evento a cura dell’Azienda USL di Rieti (U.O.C. di Medicina Fisica e Riabilitativa / Direttore Dott. Marco Pulcini) e in collaborazione con L’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Rieti, si è distinto anche quest’anno per la qualità dei Relatori, e l’alta partecipazione di Medici che, anche quest’anno, non hanno voluto mancare all’ormai abituale incontro con la “Medicina Manuale” di Leonessa. L’argomento centrale del Convegno di quest’anno è stato “Trattamenti a confronto nel dolore vertebrale”. Hanno introdotto i lavori il dott. Marco Pulcini e il dott. Vittorio Marcelli preceduti da un breve saluto del prof. Gianani (Direttore Generale dell’AUSl di Rieti) e del prof. D. Chiriacò (Presidente dell’Ordine dei Medici di Rieti).

Continua a leggere

Dove va la Medicina Manuale?

In primo piano

di Dario Alpini

Sono fresco di una esperienza chirurgica vissuta come paziente che mi ha portato a meditare sulla deriva tecnicista e “scientista” che sta prendendo l’Arte Medica moderna. Son stato sottoposto a un delicatissimo intervento maxillo-facciale, strepitoso  nell’accuratezza della preparazione, nell’abilità dell’esecuzione, nella validità del risultato.  A fronte di questa chirurgia “avveniristica” da paziente mi sono “scontrato” con una assistenza “ai minimi sindacali” fatta di piccole trascuratezze, di dimenticanze potenzialmente pericolose, fatta di “non tocca a me” “lo dirò all’infermiera del turno successivo” “in cartella non c’è scritto” “non so a chi chiedere”… Continua a leggere