Informazioni su Dario Carlo Alpini

Nato nel 1958, laureato in Medicina nel 1983, Specialista in Otorinolaringoiatria nel 1986, in Audiologia nel 1989 (sempre a pieni voti, ovviamente), Professore a Contratto presso l' Università di Milano dal 1998 , Master in Medicina Manuale nel 2010, sotto la guida del prof. Guido. Mi occupo di vertigini e disturbi dell'equilibrio, di sordità e di acufeni. L'incontro con la Medicina Manuale è stata una "conversione sulla via di Damasco" che ha sottratto le mie "preziose mani" alla sala operatoria per consegnarle al lettino manipolativo aprendo inaspettati orizzonti terapeutici delle vertigini e degli acufeni

Dove va la Medicina Manuale?

In primo piano

di Dario Alpini

Sono fresco di una esperienza chirurgica vissuta come paziente che mi ha portato a meditare sulla deriva tecnicista e “scientista” che sta prendendo l’Arte Medica moderna. Son stato sottoposto a un delicatissimo intervento maxillo-facciale, strepitoso  nell’accuratezza della preparazione, nell’abilità dell’esecuzione, nella validità del risultato.  A fronte di questa chirurgia “avveniristica” da paziente mi sono “scontrato” con una assistenza “ai minimi sindacali” fatta di piccole trascuratezze, di dimenticanze potenzialmente pericolose, fatta di “non tocca a me” “lo dirò all’infermiera del turno successivo” “in cartella non c’è scritto” “non so a chi chiedere”… Continua a leggere

Diagnosi dei disturbi dell’equilibrio a genesi “cervicale”

La disamina della Letteratura porta a ritenere la “vertigine cervicale” espressione di una sintomatologia per lo più aspecifica. Cossu (2002), infatti, descrive il disturbo dell’equilibrio di origine cervicale non come una vera vertigine ma piuttosto come un senso di instabilità, solitamente moderata, persistente per giorni o settimane che si associa spesso a fenomeni neurovegetativi. Talora è scatenata da movimenti precisi del capo e si accompagna a una sintomatologia dolorosa cervicale. Questo autore afferma che la diagnosi di vertigine cervicale risulta fondata se sono state escluse cause centrali e vestibolari, se risulta positivo l’esame clinico-segmentario del rachide cervicale e se l’esame stabilometrico statico presenta alterate le prove che valutano l’interferenza cervicale. Continua a leggere

Vertigine cervicale – 1. Fisiologia

Il sistema di controllo posturale dell’uomo è assicurato dalla continua interazione tra input afferenti dalla propriocezione, dal sistema vestibolare e dalla vista. Lo scopo di questa integrazione di input durante il movimento è quello di stabilizzare il capo e la visuale nello spazio. L’importanza della propriocezione per il controllo dell’equilibrio è confermata da numerosi studi anche se non sono ancora chiari tutti i meccanismi d’azione (Cesarani e Alpini 1999, Becker at .al 2002; Bronstein et al. 1996; Cersarani et al. 1996; Frederickson et al. 1996, Hinoki et al. 1975; Ivanenko et al. 2000; Karlberg et al. 1995; Mittelstaedt 1997; Norrè, 1990; Roll e Roll 1988; Rosenbaum 1991).

Continua a leggere

La vertigine cervicale – introduzione

Pubblichiamo la prima parte di un lungo e prezioso contributo del dott. Alpini sulla vertigine cervicale. A breve verranno pubblicate le parti seguenti [nota della Redazione]

La vertigine e il disequilibrio sono sintomi molto comuni nella popolazione. Questi disturbi in Gran Bretagna hanno una prevalenza del 25%, in Germania una incidenza del 4,9% per anno, negli Stati Uniti si manifestano dal 7 al 35% della popolazione in relazione alle classi di età. Sono particolarmente frequenti nella popolazione sopra i 40 anni, determinano circa 8 milioni di visite/anno dei medici di Medicina Generale negli USA (3% popolazione). Infine da 1 a 10 persone in età lavorativa lamentano episodi cronici e ricorrenti di vertigine sostanzialmente handicappanti, mentre oltre i 75 anni sono il disturbo più frequente. In particolare sono lamentati dal 30% dei soggetti sopra i 65 anni, soggetti dei quali il 39% cade a causa delle vertigini.

Continua a leggere